Il sistema Milza-Stomaco: assimilazione fisica e mentale

Secondo la medicina cinese, le stagioni non sono quattro, ma cinque: esiste anche una “stagione di mezzo”, identificata con la tarda estate o con i cambi di stagione, che nel sistema dei cinque elementi è legata all’elemento Terra e al sistema Milza-Stomaco.

Questo articolo è dedicato proprio a questa coppia, che fa parte del sistema degli organi e visceri (Zangfu), per capire quali sono le sue funzioni, le sue caratteristiche e i legami con stagione, clima, ambiente.

Milza-Stomaco: caratteristiche energetiche

Anche se tutti gli organi hanno un forte legame funzionale con il viscere accoppiato, questo è particolarmente evidente nella coppia legata all’elemento Terra. Anche se Milza e Stomaco in medicina cinese hanno funzioni distinte, quando parliamo della digestione dobbiamo per forza far riferimento al sistema Milza-Stomaco nella sua completezza.

Lo Stomaco

Lo Stomaco è un viscere (Fu): si tratta quindi di un “sacchetto” che si riempie e si svuota periodicamente e che entra in contatto con sostanze grezze e semi-lavorate.
Le sue funzioni, secondo la medicina cinese, sono quelle di ricevere cibi e bevande e di “macerare” la parte solida fino a ridurla in poltiglia, trattenendola al suo interno per permettere l’azione energetica della Milza e poi facendo proseguire le sostanze “impure” verso l’Intestino tenue, alla fine del processo di assimilazione di cui si occupa la Milza.

La Milza

All’interno della coppia Milza-Stomaco, secondo la medicina cinese è la Milza che compie il vero e proprio processo digestivo. Grazie al suo aspetto Yang, infatti, quest’organo agisce sull’insieme di cibi e bevande “macerati” dallo stomaco e ne estrae la componente pura, sollevandola in alto verso Polmone e Cuore per portare avanti il processo di produzione dei diversi tipi di Qi (“energia”), in particolare del Qi nutritivo (Yingqi) e del Sangue.

La Milza trattiene il Sangue nei vasi e gli organi in sede

La Milza ha anche un’altra relazione con il Sangue: il suo compito infatti è quello di mantenerlo all’interno dei vasi, evitando emorragie o fuoriuscite (la circolazione del Sangue è invece governata dal Cuore).

Oltre al sangue, la Milza (il cui Qi ha una direzione verso l’alto) trattiene nella loro sede organi e visceri, evitando che cadano verso il basso.

La Milza alloggia lo Yi

Dal punto di vista mentale / psicologico / emotivo (Shen), la Milza si occupa di elaborare e “digerire” le informazioni che riceviamo dall’esterno: è legata quindi alla capacità di pensare e riflettere, alla memoria che ci permette di assimilare i concetti studiati e, in caso di disequilibrio, al rimuginio e “rimasticare” sempre gli stessi pensieri.

L’aspetto dello Shen legato alla Milza si chiama Yi (intenzione o proposito): si tratta della capacità di focalizzare la propria presenza e attenzione su quello che si sta facendo nel presente, invece di divagare nel passato o nel futuro.

La Milza è collegata al rimuginio

Se la Milza è in disequilibrio, si manifesterà il “rimuginio”, ossia il pensiero che si annoda su se stesso o pernsiero circolare. Rimasticheremo quindi tutto il tempo gli stessi pensieri, tornandoci sopra più e più volte, senza riuscire a “digerirli”.

Milza-Stomaco: sistemi e relazioni

Nel complesso sistema governato dalla Milza, di cui il viscere Stomaco fa parte, rientrano anche i meridiani di Milza e Stomaco, che decorrono sugli arti inferiori (lato esterno per Stomaco, lato interno per Milza) e raggiungono la parte alta del corpo (testa per Stomaco, torace per Milza).

Di questo insieme fanno parte anche la muscolatura (intesa nel senso di “massa muscolare”: la quantità di “carne” che abbiamo addosso e che determina la forma del nostro corpo), la bocca come organo di senso che permette di distinguere i sapori, la saliva fluida (quella che si sviluppa durante la masticazione o quando abbiamo “l’acquolina in bocca”).

La Milza ha anche una particolare relazione con altri organi:

  • Fegato: la sua capacità di far circolare liberamente il Qi (“energia”) garantisce il libro movimento a livello della digestione e ha quindi un grosso impatto sull’intero sistema Milza-Stomaco.
  • Rene: il suo Yang (ossia la sua capacità di scaldare e attivare) è la base delle funzioni yang (estrarre, sollevare, trattenere) della Milza
  • Cuore: partecipa alla formazione del Sangue a partire dalle sostanze pure che la Milza estrae da cibi e bevande e fa circolare il Sangue che la Milza trattiene nei vasi
milza-stomaco
Il meridiano della Milza

Il sistema Milza-Stomaco e il macrocosmo

Nel mondo naturale, la Milza è collegata al colore giallo (quello delle messi mature o del terreno fertile ricco di loess presente in Cina), al sapore dolce (quello naturale dei chicchi di cereale o della frutta matura) e ai momenti di passaggio fra una stagione e l’altra (la sua direzione è il centro, fa quindi da perno al passaggio delle stagioni) o alla tarda estate (momento di passaggio fra la parte yang e quella yin dell’anno).
Il fattore climatico collegato è l’Umidità: un ambiente leggermente umido è necessario allo Stomaco per il suo lavoro sui cibi, ma un eccesso di Umidità (che è collosa, appiccicosa e tende a intasare) fa faticare la Milza nel suo lavoro di estrazione delle sostanze utili (che diverranno Qi e Sangue) dagli alimenti ingeriti. L’Umidità non è solo quella climatica e/o ambientale, ma anche quella contenuta in alcuni cibi (latte e latticini, farine bianche e derivati, zucchero, frutta in quantità eccessive), che quindi andrebbero assunti in quantità moderata.

I disequilibri del sistema Milza-Stomaco

Cosa succede, quindi, quando Milza e Stomaco non sono in equilibrio? Si presenteranno una serie di disturbi legati a tutti gli ambiti di cui si occupano quest’organo e questo viscere, visto che il loro Qi (“energia”) non è più in grado di portare avanti normalmente le funzioni fisiologiche collegate.

Stomaco

  • senso di pesantezza / gonfiore allo stomaco
  • difficoltà a digerire, con senso di cibo che “non scende”
  • stitichezza con movimento intestinale ridotto
  • bruciore / dolore di stomaco
  • fame continua
  • reflusso, nausea, vomito, singhiozzo
  • alitosi, bocca impastata, sapore cattivo in bocca
  • afte in bocca o sulla lingua
  • secchezza del cavo orale
  • bruschi e improvvisi risvegli notturni con sogni agitati, accompagnati da sensazione di pesantezza allo stomaco
  • risveglio al mattino con bocca impastata e senza appetito

Milza

  • inappetenza o scarso interesse per il cibo
  • gonfiore addominale dopo i pasti
  • sonnolenza dopo i pasti
  • feci poco formate / molli / diarrea (sintomi cronici)
  • accumulo di massa grassa
  • stanchezza, freddolosità
  • difficoltà a memorizzare i concetti
  • tendenza al rimuginio
  • problemi del ciclo (ciclo scarso, ciclo anticipato…)
  • leucorrea
  • mal di testa (a tutto il capo), senso di testa pesante
  • problematiche alle articolazioni, con dolore e difficoltà al movimento

Autrice: Francesca Cassini

Francesca Cassini è una consulente di medicina cinese per le donne e un’operatrice e insegnante di massaggio Tuina (il massaggio tradizionale della medicina cinese) specializzata nel sostegno alla ciclicità femminile in tutte le sue fasi (ciclo mestruale, ricerca di gravidanza, gravidanza, post parto, premenopausa, menopausa).
Ha uno studio a Genova, dove riceve per trattamenti Tuina e consulenze, ma raggiunge le donne di tutta Italia attraverso le sue consulenze online di medicina cinese per le donne.
Autrice del blog www.benesseredonne.it (dove scrive di medicina cinese per le donne), insegna medicina cinese e Tuina nei corsi professionalizzanti di ScuolaTao (Milano e Roma).
È anche traduttrice e interprete professionista specializzata nel campo della medicina cinese.
Seguila sui suoi social: pagina Facebookprofilo Instagram

_______________________________________________________________________

Per avvicinarti alla medicina cinese
ti consigliamo questo libro scritto da Laura Vanni, uno dei fondatori di Medicina Cinese News:

Medicina tradizionale cinese. Teorie di base per i primi passi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.