Aglio e limone anti-colesterolo?

In rete si trovano tantissime ricette a base di aglio e limone come rimedio per abbassare il colesterolo, “sturare le arterie” etc.

E spesso si parla di antiche ricette cinesi o tibetane.

Il problema è sempre lo stesso, quello di parlare di un rimedio che vada bene per tutto, che non esiste!

Ma, secondo la Medicina Tradizionale Cinese (MTC), sia l’aglio che il limone che la loro combinazione possono essere utili in condizioni di squilibrio energetico in cui si può avere un aumento del colesterolo o altre dislipidemie (alterazioni dei grassi nel sangue).

Vediamo come possiamo orientarci su questo argomento.

AGLIO

Troviamo l’uso terapeutico dell’aglio sia nella medicina occidentale sia nella medicina tradizionale cinese.

L’aglio, come la cipolla, il porro e altri alimenti della famiglia delle agliacee, ha natura termica calda e sapore piccante.

La combinazione di natura e sapore rende l’aglio un ottimo rimedio per scaldare, fare circolare e per dissolvere i catarri tan.

Inoltre, la sua natura calda si attenua con la cottura, in quanto alcune sostanze volatili che la determinano si disperdono.

Per le sue caratteristiche, l’aglio è quindi utile, secondo la MTC, per riscaldare in caso di Freddo, esterno o interno, nel deficit di yang.

Quando l’aglio è cotto perde, come detto prima, un po’ della sua natura calda, e accentua la sua capacità di muovere la stasi del qi.

L’aglio è controindicato in caso di presenza di Calore, Fuoco o deficit di yin, soprattutto a carico di Stomaco, Fegato e Polmone.

 

LIMONE

Il limone ha una azione complessa, diversa a seconda che si parli della parte esterna gialla, della buccia, della sua parte interna bianca, del succo e della polpa.

La parte esterna gialla della buccia ha natura fresca e sapore piccante e amaro, la parte bianca ha natura fresca e sapore amaro, succo e polpa natura fredda e sapore acido.

Il limone purifica il Calore e il Fuoco per la sua natura fresca e fredda; inoltre è in grado di evitare la perdita di Liquidi per la sua azione astringente.

Nutre il Sangue e lo yin.

Il sapore piccante della buccia rende utile il suo uso nel muovere la stasi di qi soprattutto del Fegato, anche quando questo squilibrio si manifesta a carico dell’azione della bile e della digestione.

La buccia gialla del limone dissolve anche i tan.

 

TAN E L’IPERCOLESTEROLEMIA

Il concetto di tan è complesso, indicando una causa di malattia che comprende sia catarri e mucosità esterni, “visibili”, waitan, che interni, “invisibili”, neitan.

In virtù della loro natura proteiforme, teoricamente possono essere presenti in quasi tutte le malattie e sindromi.

Negli ultimi decenni, alcuni studiosi hanno potuto tuttavia associare la presenza di tan dal punto di vista della MTC ad alcune malattie in particolare.

Uno studio di Wang et al. ha mostrato come la sindrome Accumulazione di tan nel cuore si riscontri frequentemente nella malattia coronarica (3), e Chang et al. riportano come le sindromi più frequentemente riscontrate nell’ictus siano il Vento interno, l’Accumulazione di tan e la Stasi di sangue (4).

Il colesterolo è una molecola che, quando in eccesso nel sangue (ipercolesterolemia), tende a depositarsi nella superficie interna delle arterie formando una sorta di “incrostazione” che ostacola il normale flusso del sangue, costituendo così un fattore di rischio per condizioni patologiche come l’ictus, la malattia coronarica e l’infarto.

Da questo punto di vista si potrebbe azzardare una relazione tra l’ipercolesterolemia e la formazione di tan.

I tan possono presentarsi in associazione ad altri fattori, come nelle sindromi tan-calore, tan-freddo, tan-vento, tan-stasi, etc.

A seconda della sindrome presente, ecco che può essere utile il consumo di aglio, di una parte del limone, o dell’insieme di aglio e limone in una delle varie ricette disponibili anche in rete.

In particolare, l’aglio crudo è indicato nella presenza di tan semplici o tan-freddo e controindicato in presenza di tan-calore, cotto è indicato nei tan-stasi.

La buccia gialla del limone è indicata nei tan-semplici e nei tan-calore.

Ecco il motivo per il largo utilizzo delle ricette in cui aglio e limone si trovano insieme, la loro azione sui tan è potenziata e le rispettive nature calda e fredda si bilanciano.

Autore: Vito Marino, medico agopuntore

 

Note

  1. https://www.chedonna.it/2018/12/04/aglio-e-limone-rimedio-naturale-che-cura-molte-malattie/
  2. https://bc.marfeelcache.com/viverepiusani.it/antica-ricetta-cinese-per-eliminare-il-colesterolo-e-pulire-il-sangue/?marfeeltn=amp
  3. Wang, F.-Y. Chu, J. Li et al., “Study on syndrome element characteristics and its correlation with coronary angiography in 324 patients with coronary heart disease,” Chinese Journal of Integrative Medicine, vol. 14, no. 4, pp. 274–280, 2008.
  4. C. Cheng, C.-H. Lin, Y.-J. Chang et al., “Fire-heat and Qi deficiency syndromes as predictors of short-term prognosis of acute ischemic stroke,” Journal of Alternative and Complementary Medicine, vol. 19, no. 8, pp. 721–728, 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.