Meridiani tendino-muscolari: muoversi e proteggersi

Cosa sono i meridiani tendino-muscolari e che ruolo hanno secondo la medicina cinese?

Quando in medicina cinese si parla di meridiani o canali, il pensiero va per prima cosa alle rete dei dodici meridiani collegati al sistema di organi e visceri che costituiscono il cuore del nostro funzionamento.
In realtà, quella dei meridiani è una rete molto più complessa, ramificata e variegata (per caratteristiche e funzioni) di quanto spesso si pensi.

 

Meridiani tendino-muscolari o… tendini e muscoli dei meridiani?

Una delle componenti più trascurate, ma più importanti di questa rete è costituita dai meridiani tendino-muscolari. La traduzione corretta in italiano in realtà sarebbe “tendini e muscoli dei meridiani”. La parola cinese corrispondente, infatti, è 经筋 jīngjìn, in cui 经 (jīng) indica i meridiani (che scorrono longitudinalmente, quindi in questo caso i 12 meridiani principali) e 筋 (jìn) i muscoli / tendini / legamenti, ossia il tessuto associato al fegato e al movimento legno in base alle corrispondenze dei cinque elementi.

La parola jīngjìn quindi indica qualcosa che segue il decorso dei meridiani principali e che ha capacità di contrarsi e rilasciarsi. Siccome in cinese il carattere che viene prima indica “chi possiede” o “a chi appartiene” la cosa / qualità che viene dopo (un po’ come in inglese il genitivo sassone, la struttura possessiva caratterizzata dalla presenza di ‘s), è chiaro che stiamo parlando di jìn (筋, muscoli-tendini) dei meridiani.

 

Meridiani tendino-muscolari: cosa sono veramente?

Questa può sembrare pura filologia o “filosofia del cinese”, ma in realtà è fondamentale per capire di cosa stiamo parlando. Anche se noi in italiano parliamo di meridiani tendino-muscolari, la parola cinese che li indica ci dice che non sono strutture autonome e a sé stanti (meridiani), ma sono invece strutture caratterizzate da elasticità e movimento, che hanno uno stretto rapporto con i 12 meridiani principali.

Se vogliamo dare una definizione, potremmo quindi dire che i meridiani tendino-muscolari sono le strutture energetiche che portano qi (“energia”) e sangue all’interno di muscoli, tendini e legamenti e che hanno un decorso che segue quello dei meridiani principali.

Se osserviamo le mappe (ad esempio quelle sul Manuale di agopuntura di Deadman e Al-Khafaji), vediamo infatti che ogni meridiano tendino-muscolare ha un decorso che ricalca quello del meridiano principale collegato e da cui prende il nome, ma che:

  1. ricopre aree più ampie
  2. raggiunge zone che il principale non raggiunge
  3. non ha punti di agopuntura
  4. ha inserzioni alle articolazioni

 

meridiani tendino-muscolari

Meridiani tendino-muscolari: la struttura che permette il movimento

Queste caratteristiche sono in parte legate a una delle funzioni principali dei meridiani tendino-muscolari, ossia quella di permettere il movimento fisico e di dare coesione allo scheletro.
È infatti la loro capacità di convogliare qi (“energia”) e sangue a muscoli, tendini e legamenti che permette un buon nutrimento (sangue) e una buona forza (qi) dell’intero apparato muscolare.

Il rapporto fra questi due livelli (meridiano e struttura anatomica) è così stretto che in molti casi il decorso di questi meridiani coincide con le catene muscolari individuate in Occidente. Ad esempio, la catena posteriore corrisponde quasi in toto al meridiano tendino-muscolare di vescica.

Per il loro nutrimento e la loro funzionalità, i meridiani tendino-muscolari dipendono principalmente dall’equilibrio di due organi:

  • il fegato, che ha il delicato compito di decidere dove inviare il sangue in base alle necessità dell’organismo e che, quindi, deve mantenere i jīngjìn ben nutriti. Se c’è un deficit del sangue del fegato, infatti, muscoli, tendini e legamenti tenderanno a essere rigidi e saranno presenti crampi e parestesie.
  • il polmone, che governa non solo il movimento del qi in generale, ma soprattutto quello di weiqi, il qi (“energia”) difensivo responsabile del pattugliamento e del riscaldamento delle zone più esterne del corpo. Se il qi è in deficit o se la sua circolazione è bloccata (stasi del qi) e non raggiunge uniformemente tutte le zone, ci saranno mancanza di forza muscolare, dolore, flaccidità.

 

meridiani tendino-muscolari

Meridiani tendino-muscolari: una protezione dall’esterno

Questa relazione specifica fra meridiani tendino-muscolari e qi difensivo (weiqi) ne fa anche uno dei bastioni della nostra difesa dagli attacchi provenienti dall’esterno. Se i fattori patogeni esterni (climatici / ambientali) infatti superano la prima barriera costituita dalla pelle, la difesa successiva per la nostra protezione sono proprio i meridiani tendino-muscolari. Perché?

Il qi difensivo (weiqi) che li abita e li percorre è in grado di rimandare i fattori patogeni penetrati verso la superficie (se è sufficientemente forte rispetto a questi) o per lo meno di bloccarli al loro interno. In questo modo, il sistema degli organi e visceri che è il cuore del nostro metabolismo e i meridiani principali a loro collegati restano protetti da eventuali attacchi e possono preservare il loro equilibrio.

Se i fattori patogeni non possono essere respinti all’esterno e restano “intrappolati” a livello dei meridiani tendino-muscolari, la conseguenza è il dolore muscolare. Attenzione però: non tutto il dolore muscolare dipende dalla presenza di un fattore climatico / ambientale penetrato dall’esterno! In molti casi, è dovuto a una stasi locale di qi (“energia”) e sangue, la cui fisiologica circolazione è bloccata a causa di:

  • traumi o interventi
  • posture sbagliate
  • piccoli movimenti sempre uguali ripetuti per periodi molto lunghi (es. utilizzo pluriennale del mouse per 8 ore al giorno)

In caso di dolore muscolare, è possibile alleviarlo lavorando con l’autotrattamento in digitopressione sul livello dei meridiani tendino-muscolari.

Per un approccio più completo ed efficace, è possibile contattare un/una professionista esperto/a che lavori con il tuina o con l’agopuntura.

 

Francesca Cassini
operatrice e insegnante di tuina
consulente in medicina cinese per il benessere femminile
interprete e traduttrice specializzata in medicina cinese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: