Caffè al ganoderma? No, grazie! #bufalecinesi

Da qualche tempo ormai si sente parlare e si legge di un nuovo prodotto “miracoloso”: il caffè al Ganoderma lucidum, in cinese 靈芝 (Língzhī in pinyin), conosciuto anche come Reishi.

Ma cosa sarebbe questa cosiddetta panacea di tutti i mali?

 

Il Ganoderma lucidum in medicina cinese

Il Ganoderma lucidum è un rimedio molto usato nella medicina cinese.

Secondo i principi della farmacologia cinese, il suo sapore è dolce e amaro, la sua natura neutra, si dirige agli organi (Zangfu) Cuore, Polmone, Milza e Rene.

Le sue azioni tradizionali sono:

Queste azioni gli hanno fatto meritare il nome di “Fungo dell’Immortalità”.

 

caffè al ganoderma
Il Ganoderma lucidum

Per le sue proprietà, in medicina tradizionale cinese il Ganoderma è usato per le condizioni di Deficit con astenia fisica e psichica, respiro corto al minimo sforzo, insonnia, disturbi della memoria, inappetenza.

 

Il caffè al ganoderma: ma davvero fa bene come dicono?

Il caffè al Ganoderma è una bevanda al caffè che contiene, per bustina, tra 70 e 175 mg di polvere di Ganoderma.

Considerando che la posologia media terapeutica del prodotto in compresse di polvere è di 1.5-3 gr al giorno, che 1 compressa contiene circa 300 mg di Ganoderma e che la sua posologia è, quindi, di 5-10 compresse al giorno, si dovrebbero bere da 15 a 30 caffè al giorno per avere una dose terapeutica o anche solo utile per la prevenzione.

 

caffé al ganoderma

 

Ancora, in alcuni prodotti delle maggiori aziende che commercializzano il caffè al Ganoderma, oltre al caffè e al Ganoderma troviamo altri ingredienti decisamente non salutari:

  • sciroppo di glucosio
  • stabilizzanti (mono-idrogeno fosfato di potassio (E340)
  • regolatori di acidità
  • derivati del latte
  • coloranti
  • zucchero

Un cocktail di chimica non male!

“Un altro aspetto che non convince del Ganoderma Lucidum”, come scrive Altroconsumo,

“è anche la sua modalità di vendita. Spesso, infatti, dietro la commercializzazione di prodotti che lo contengono, si nascondono vere e proprie vendite piramidali. Oltre alle promesse (non mantenute) sulla salute, perciò, si uniscono quelle di guadagni facili e di rapide opportunità di carriera”.

 

Conclusione. Caffè al Ganoderma sì o no?

In conclusione, se il Ganoderma ci serve, assumiamolo sotto forma di compresse di polvere (solo dietro ricetta e indicazioni di un medico esperto in farmacologia cinese), altrimenti prendiamo un buon caffè (di quello “normale”)!

Per le azioni farmacologiche del Ganoderma lucidum vedi: http://www.shen-nong.com/eng/herbal/lingzhi.html#f.

Vito Marino
medico esperto in agopuntura

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: