La fisiologia femminile in medicina cinese. Parte 1

La fisiologia femminile in medicina cinese è studiata da millenni: un approccio che evidenzia ritmi e potenzialità utili per integrare la nostra visione contemporanea

Secondo la medicina cinese, la fisiologia femminile è ciclica e caratterizzata da un ritmo in base sette:

  • sette gli anni che segnano le tappe di sviluppo femminile (es. 7×2 = 14 prima mestruazione, 7×7 = 49 inizio della menopausa)
  • sette i giorni del ciclo mestruale
  • quaranta volte sette (40 settimane) la durata della gravidanza

Il mese lunare, composto di quattro settimane, è infatti intimamente legato alla fisiologia femminile in medicina cinese. Per il pensiero cinese infatti la luna è uno degli emblemi dello yin, termine che indica tutto ciò che è legato al buio, al fresco, all’acqua, all’umidificazione, alla direzione verso il basso e l’interno, al movimento di ricevere, accogliere, contenere, radicare, alla ricettività, alla quiete, alla materialità, al nutrire.

 

La fisiologia femminile in medicina cinese: sangue e qi, yin e yang

Fra le sostanze del corpo infatti la fisiologia femminile è particolarmente legata al sangue, sostanza umidificante, nutriente e connessa al nostro sostrato materiale, che scorre all’interno del corpo (nei vasi) e che esce fisiologicamente al suo esterno soltanto durante il ciclo mestruale.

Il sangue dunque è particolarmente importante per la donna: oltre alle funzioni che svolge nell’uomo, infatti, deve nutrire l’utero e renderlo fertile e accogliente per la fecondazione. Se questa avviene, il sangue della futura mamma verrà utilizzato per nutrire il feto e dopo il parto servirà per produrre il latte (che per la medicina cinese deriva direttamente dal sangue materno).

Se il sangue è fortemente legato alla base materiale della fisiologia femminile, il suo ritmo è dato dal qi (“energia”), che fornisce la spinta necessaria a veicolare, distribuire, muovere il sangue e a spingerlo fuori se il concepimento non è avvenuto, dando luogo alla mestruazione. Il qi, la cui caratteristica è di essere dinamico e attivo, è di natura yang, ossia legato al movimento, al calore, alla direzione verso l’alto e verso l’esterno, alla luce, all’attivazione, alla spinta.

Mentre il sangue fornisce la base materiale per fertilità e ciclo mestruale, il qi permette il mantenimento del ritmo su base 7 del ciclo mestruale, garantendo che le diverse tappe siano rispettate e che il flusso mestruale inizi e termini regolarmente.

 

fisiologia femminile in medicina cinese
Immagine basata sulle dispense di ScuolaTao (www.scuolatao.com)


Sette per quattro: la fisiologia femminile in medicina cinese e il ciclo mestruale

Il ciclo mestruale, cuore della fisiologia femminile, si sviluppa lungo quattro settimane, ognuna caratterizzata da una qualità specifica:

  • la prima è detta “del sangue”: il qi (“energia”) spinge fuori il sangue dall’utero perché non è avvenuto il concepimento. L’utero dev’essere svuotato perché il ciclo possa ricominciare
  • la seconda è detta “dello yin”: l’utero vuoto inizia a riempirsi di sostanze nutrienti, umidificanti, fertilizzanti (quindi yin), per creare la base materiale adatta al concepimento
  • la terza è detta “dello yang”: nell’utero iniziano ad aumentare temperatura e capacità di dinamismo e trasformazione (caratteristiche yang), per permettere lo sviluppo di una nuova vita se c’è stato il concepimento
  • la quarta è detta “del qi”: se non è avvenuto il concepimento, il qi (“energia”) inizia a raccogliersi nella zona del basso addome per spingere fuori il sangue nella settimana successiva

 

Se l’equilibrio fra qi e sangue, yin e yang è armonioso e se non ci sono fattori esterni interferenti (es. freddo penetrato dall’esterno), allora il ciclo mestruale sarà perfettamente fisiologico: per la medicina cinese, questo significa regolare, con una durata di 28 giorni (poco più o poco meno), con una giusta quantità di sangue di colore rosso e senza coaguli, con un inizio senza sgocciolamenti, con durata non superiore né troppo inferiore a 7 giorni, senza alcun dolore o fastidio collegato (irritabilità, stitichezza, insonnia, mal di testa, ritenzione, gonfiore…) né prima, né durante, né dopo. Sembra incredibile a pensarlo, ma… secondo la medicina cinese il dolore mestruale non è normale, ma è il segno di una disarmonia in atto, che colpisce la zona dell’utero.

Quali possono essere le cause di questa disarmonia?

  • una quantità insufficiente di sangue
  • una quantità insufficiente di qi (“energia”)
  • un problema di circolazione del qi
  • la presenza di fattori interferenti (freddo, umidità, calore) derivati da clima/ambiente, alimentazione, cause emotive

 

Ogni diversa causa si manifesta in maniera differente nel ciclo mestruale: per questo una brava operatrice di medicina cinese è in grado di valutare quale sia la disarmonia alla base dei problemi mestruali e di trattarla quindi con tuina, agopuntura, alimentazione in base alla medicina cinese, fitoterapia cinese. Per stare meglio durante il ciclo mestruale, quindi, è possibile rivolgersi alla medicina cinese e alle sue tecniche di trattamento: il requisito fondamentale è trovare un’operatrice preparata e capace di inquadrare in modo corretto la situazione della persona.

E la sindrome premestruale? È anch’essa segno di una disarmonia, che riguarda prevalentemente lo stato del qi (“energia”), dal momento che avviene nella cosiddetta “settimana del qi”. Anche in questo caso, la medicina cinese è di aiuto per capirne i meccanismi e intervenire in modo mirato.

La stessa cosa vale per il ciclo irregolare, causato da un disequilibrio a carico del qi, che non riesce a mantenere il giusto ritmo all’interno del ciclo di quattro settimane.

 

La fisiologia femminile in medicina cinese: prevenire è sempre meglio!

Dal momento che il ciclo mestruale è il cuore della fisiologia femminile, mantenerne l’armonia è molto importante per garantire il proprio benessere durante le altre tappe della vita (gravidanza, menopausa…). Anche se il tuo ciclo mestruale non ti dà particolari problemi, la medicina cinese ti può aiutare a preservare questa condizione di benessere evitando l’insorgere di problemi futuri.

Un buon punto di partenza è richiedere una valutazione energetica personalizzata a un’operatrice esperta di medicina cinese: in questo modo potrai capire già subito quali sono le tendenze che presenta il tuo equilibrio e, quindi, quali problemi potrebbero manifestarsi in futuro. La medicina cinese ha strumenti raffinati e molto precisi per cogliere i segnali di disequilibrio anche prima che questi si manifestino con dei disturbi: lavorare su qualcosa che è ancora all’inizio è molto più facile e veloce che agire su una disarmonia cronica e bene instaurata!

Questo discorso è particolarmente valido per le ragazzine ai primi cicli mestruali: l’incontro con la medicina cinese potrebbe risparmiare loro anni di dolore e disagio, perché se si previene l’instaurarsi di un disequilibrio difficilmente si manifesteranno dolore mestruale, ciclo irregolare, sindrome premestruale, ecc. (in assenza di cause organiche patologiche).

Se nel frattempo vuoi capire cosa puoi fare da sola per mantenere il benessere del tuo ciclo, puoi leggere Sei consigli per stare bene durante il ciclo, dove troverai indicazioni su alimentazione e stile di vita.

Vuoi capire meglio anche la visione cinese di gravidanza e menopausa, leggi  la seconda parte dell’articolo.

 

Francesca Cassini
Operatrice e insegnante di tuina

 

Ultima revisione: 1/11/2018.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: