Tipi di qi: origine, funzioni e distribuzione della nostra energia

Un viaggio alla scoperta dei diversi tipi di qi e delle loro caratteristiche

Che il qi (“energia”) sia la sostanza fondamentale del nostro organismo, alla base di tutte le nostre funzioni, è cosa nota a chi studia o conosce la medicina cinese, ma spesso capire come questa sostanza unitaria si differenzi in diversi tipi di qi crea delle difficoltà.

In realtà, come spiega bene Vito Marino di Medicina Cinese News, “Se lo voglio descrivere in quanto responsabile della mia genetica lo definirò yuanqi, se ne osservo le capacità di difendermi dalle aggressioni esterne lo chiamerò weiqi, se lo descrivo in quanto capace di nutrire gli organi e tutto il corpo lo chiamerò yingqi, se ne parlo come il responsabile della forza della circolazione di qi e sangue a partire del petto e dalla costituzione ne parlerò come zongqi”.

I vari tipi di qi, quindi, non sono sostanze diverse o incompatibili, ma semplicemente diverse modalità e funzioni del qi del nostro organismo. Dal momento che la medicina cinese è una medicina energetica e funzionale, le diverse categorie, tipologie, “etichette” sono in realtà descrittive non tanto di differenze nella forma, quanto nella funzione. Ecco quindi che, nonostante tutto ciò che esiste sia qi, all’interno dell’organismo differenziamo questa sostanza in xue (sangue), jing (“essenza”), shen (“mente/psiche/spirito), jinye (fluidi corporei) a seconda delle funzioni che svolge.

La stessa cosa vale per i diversi tipi di qi: ognuno dei nomi che utilizziamo descrive semplicemente una specifica qualità e funzione di questa sostanza in relazione con il microcosmo in cui è presente e con le sue singole parti (organi e visceri, visceri straordinari, meridiani…).

Il qi degli organi e dei visceri

Quando parlo del qi degli organi o dei visceri, quindi, mi sto riferendo semplicemente alle funzioni che gli zangfu svolgono, che sono orientate in una direzione precisa e che, quindi, hanno specifiche relazione con altre funzioni, parti del corpo, direzioni di movimento… Ecco un piccolo esempio di questo meccanismo (in cinese qiji 气机, “meccanismo del qi”):

  • Cuore: il suo qi scende => porta il sangue in tutto il corpo, con il suo calore va a riscaldare l’acqua del rene
  • Milza: il suo qi sale => estrae le sostanze utili dallo stomaco e le trasporta al polmone, dove si uniscono all’aria per formare i tipi di qi utilizzabili dall’organismo
  • Polmone: il suo qi scende => diffonde il qi in tutto il corpo, distribuisce i liquidi verso il basso
  • Rene: il suo qi sale => contribuisce alla respirazione “afferrando il qi del polmone”, vaporizza in alto i liquidi recuperati
  • Fegato: il suo qi va in tutte le direzioni => aiuta a rendere fluida la circolazione del qi e del sangue in tutto il corpo

Yingqi, il qi che nutre

Quando parlo del qi che viaggia e scorre insieme al sangue, che porta nutrimento e umidificazione in tutto il corpo e che circola in vasi e meridiani, sto parlando dello yingqi o qi nutritivo. Si tratta di un tipo di qi che origina dal riscaldatore medio, grazie all’azione del qi di milza sugli alimenti contenuti nello stomaco. Quando le essenze pure (leggere, yang) degli alimenti vengono elevate al riscaldatore superiore tramite l’ascesa del qi di milza e si uniscono alle essenze dell’aria estratte dal polmone, ha origine yingqi. Il qi nutritivo circola all’interno dei vasi e dei meridiani insieme al sangue (xue), tanto che è difficile dire di preciso “dove finisce l’uno e inizia l’altro”. Il modo più semplice di comprendere la loro relazione è quello di pensarli come un binomio yin / yang, in cui yingqi esprime l’aspetto più yang (principalmente movimento e apporto di calore) e il sangue l’aspetto più yin (principalmente nutrimento e umidificazione). Si tratta quindi di un qi con caratteristiche yin (nutre, circola con il sangue, sta all’interno di meridiani e vasi), ma che origina nello yang (parte “pura” degli alimenti, riscaldatore medio e superiore).
Se yingqi è in deficit, avremo scarso nutrimento di arti e organi.

 

tipi di qi

Weiqi, il qi che protegge

Quando parlo del qi che protegge e riscalda la superficie e circola al di fuori dei meridiani, sto parlando del weiqi o qi difensivo. Si tratta di un tipo di qi che origina dalla parte “impura” (pesante, yin) degli alimenti e che viene elaborata e “purificata” nel riscaldatore inferiore grazie all’apporto degli intestini e del fegato. Weiqi non entra nel circuito dei meridiani, ma circola in due livelli separati: di giorno si muove nei meridiani tendino-muscolari (jingjin) e nello spazio fra pelle e muscoli (couli) per proteggerci dagli attacchi dei patogeni esterni, riscaldare la superficie, controllare apertura e chiusura dei pori. Di notte invece si approfondisce e circola all’interno del corpo, dove protegge e ripara organi e visceri. Si tratta quindi di un qi molto yang (circola all’esterno del corpo e fuori dai vasi, scalda, difende, combatte), ma la sua origine è nello yin (parte “impura” degli alimenti, riscaldatore inferiore).
Se weiqi è in deficit, ci sarà facilità ad ammalarsi e sudorazione al minimo sforzo.

Yuanqi, il qi che attiva

Quando parlo del qi che attiva e promuove tutti i processi e le funzioni dell’organismo, sto parlando dello yuanqi o qi originario. Si tratta di un tipo di qi che origina dal Cielo Anteriore, ossia dalle risorse che abbiamo ricevuto al momento del concepimento. Quando i jing (“essenze”) dei genitori si uniscono e ha inizio una nuova vita, ecco che compaiono insieme i tre tesori del nascituro: il suo jing personale, il suo shen (“mente/psiche/spirito”) e il suo qi originario, yuanqi. Yuanqi infatti è la scintilla che accompagna l’accendersi di ogni nuova vita e che mantiene vivo il fuoco vitale, permettendo il funzionamento di organi e visceri e l’attivazione dei processi che portano alla formazione dei tipi di qi che originano dal Cielo Posteriore (come yingqi e weiqi). Per queste sue caratteristiche, yuanqi è veicolato attraverso il circuito dei meridiani straordinari, che sono il nostro legame con il Cielo Anteriore e che si formano già al momento del concepimento.
Per il pensiero taoista, la “quantità” di yuanqi che ci è data al momento della nascita determina la potenziale durata della nostra vita, che viene chiamata “cifra di qi” e che non può superare la soglia massima di 120 anni.

Altri tipi di qi

Esistono infine altre “etichette” che descrivono altri stati e modalità di azione del qi nel compiere i processi necessari alla nostra sopravvivenza: diversi tipi di qi che indicano nel dettaglio come funziona l’organismo umano.

  • Guqi (“qi dei cereali”): il qi di cibi e bevande ingeriti, sostanza grezza che non può essere utilizzata direttamente dal nostro organismo.
  • Kongqi (“qi dell’aria”): il qi dell’aria inspirata dal polmone, sostanza grezza che non può essere utilizzata direttamente dal nostro organismo.
  • Zhongqi (“qi mediano”): il qi del riscaldatore medio (stomaco e milza).
  • Zongqi (“qi del torace” o “qi ancestrale”): il qi del torace, che origina dall’unione di guqi (elevato dalla milza) e kongqi (estratto dal polmone) all’interno del petto. Attiva la respirazione e controlla il battito cardiaco.
  • Zhenqi (“qi autentico”): insieme di yingqi e weiqi.
  • Zhengqi (“qi corretto”): insieme di tutte le risorse fisiologiche dell’organismo, contrapposte a xieqi (“qi patogeno”), ossia tutto quello che può attaccare il corpo.

 

Francesca Cassini
Operatrice e insegnante di Tuina

Il libro per te:

Muccioli, M., Le basi della medicina cinese. Fondamenti filosofici, fisiologia, eziologia
Un’introduzione chiara e approfondita alle basi della medicina cinese, con un intero capitolo dedicato al qi, alle sue caratteristiche e alla sua origine.
Leggi la recensione su Medicina Cinese News.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: