Moxibustione per principianti. Aspetti pratici

Abbiamo già parlato della moxibustione in precedenti articoli. Abbiamo introdotto le sue azioni generali,  l’utilità del suo impiego nella stagione invernale e abbiamo anche fornito ulteriori documentazioni per approfondire il tema (vedi in fondo all’articolo).

Oggi affrontiamo il tema della moxibustione da un punto di vista strettamente pratico, parlando dei materiali e degli strumenti utilizzati per praticare questa tecnica.

Molti parlano della moxibustione ma nessuno spiega mai “in pratica” cosa si utilizza per questa tecnica e in che modo.

In quest’articolo ci proponiamo di soddisfare la curiosità dei “non addetti ai lavori” e  degli operatori o studenti in medicina cinese che stanno iniziando ora a praticare questa tecnica.

Il nostro oggetto di riferimento sarà, in particolare, la moxibustione con artemisia.

 

Moxibustione con artemisia

La moxibustione può essere pratica ricorrendo a diverse sostanze, attraverso diversi strumenti e tecniche.

Quello a cui ci riferiamo noi in questo articolo è la moxibustione con artemisia, di gran lunga il tipo più diffuso.

L’artemisia è una pianta utilizzata da millenni per questa pratica e in Cina è molto diffusa anche tra le persone comuni, per l’autotrattamento.

 

Quattro vantaggi dell’artemisia

Raccolta secondo precise regole, fatta essiccare a lungo, trattata in vario modo a seconda degli impieghi, l’artemisia presenta almeno 4 vantaggi importanti:

  • si presta facilmente alla manipolazione per confezionare piccoli coni o sigari
  • brucia senza fiamma
  • sviluppa un calore intenso, costante e penetrante
  • il suo fumo ha un’azione antivirale, antibatterica e tonica del Qi

Il sigaro di artemisia

Il sigaro di artemisia è un cilindro di carta riempito da lana di moxa compressa e avvolta in un foglio di carta (tradizionalmente carta di gelso).

La misura standard del sigaro è di 20 cm di lunghezza per 1,7 cm di diametro e la sua combustione dura circa un’ora.

Esiste una differenziazione tra i sigari in commercio in base a due versioni:

moxibustione per principianti

Fermo restando che il costo dei sigari di moxa è davvero molto contenuto e alla portata di tutti, i sigari cosiddetti “senza fumo”, costano qualche euro in più ma sono più adatti ai luoghi chiusi o poco areati.

Sono quelli più indicati anche se non si ha molto tempo di areare l’ambiente tra un ricevente e l’altro.

Nell’acquisto consigliamo di verificare con il fornitore che il sigaro “senza fumo” sia dotato di un foro al centro. Questo è preferibile per garantire una corretta e prolungata combustione.

Moxibustione per principianti: lana di moxa

Oltre ai sigari, in commercio esistono confezioni contenenti lana di moxa che può essere modellata ed utilizzata in formato di coni.

L’impiego della lana di moxa è generalmente riservato agli utilizzatori più esperti in quanto richiede una certa manualità ed attenzione nell’impiego.

In questo nostro video  puoi vedere come si “confeziona” un cono di moxa.

Per i meno esperti esistono in commercio anche coni di moxa “preconfezionati” ed autoadesivi.

Questi sono impiegati molto utilmente nell’autotrattamento, oppure, in genere, vengono utilizzati quando non è possibile per diversi motivi confezionare i coni con la lana di moxa.

Moxibustione per principianti: scatole di legno

In commercio esistono numerose versioni di scatole di legno utilizzate per riscaldare un’area estesa del corpo in modo moderato e prolungato.

Generalmente utilizzate sull’area dorsale o ventrale, l’uso di queste scatole è molto diffuso ai fini della tonificazione dell’energia vitale. Molto utili anche in autotrattamento.

Altre scatole più piccole sono pensate per apporre un singolo sigaro e dispongono di una cinghia per fissare la scatola alla zona del corpo da trattare con il calore.

 

Moxibustione per principianti: consigli pratici e attenzioni

Riflettiamo ora sugli aspetti prettamente pratici, indispensabili a chi è alle prime sue esperienze con questa tecnica.

Prima di iniziare a praticare la moxibustione assicurati di essere in uno spazio ben areato.

Il fumo dell’artemisia non è  tossico né dannoso, ma è piuttosto intenso e può dar fastidio.

Fai sempre molta attenzione quando usate il sigaro di moxa perché genera un calore molto intenso.

Devi sempre avere vicino:

  • una candela per accendere il sigaro (l’accensione completa del sigaro può richiedere diversi secondi, soprattutto per la versione “senza fumo”)
  • un barattolo con della sabbia per spegnere il sigaro alla fine del trattamento, oppure uno dei pratici “spegni-moxa” in vendita a pochi euro
  • un posacenere NON di plastica ma di vetro per scrollare la cenere

moxibustione per principianti

Durante l’uso del sigaro ricordati di staccare di tanto in tanto la cenere battendo il sigaro sul posacenere. Si staccheranno anche piccole scintille. Fai ovviamente attenzione ai tessuti.

La cenere del sigaro di moxa non si stacca facilmente dal sigaro (così come può fare una comune sigaretta) ma durante l’uso può capitare di perdere alcuni piccoli frammenti di cenere e questi hanno un calore molto intenso e possono far danni se entrano in contatto con tessuti o, peggio, con la pelle!

Per quanto riguarda l’applicazione vera e propria è indispensabile procedere prima di tutto alla corretta scelta dell’agopunto, in base alle reali necessità del soggetto ricevente.

Una volta scelto l’agopnnto, potrai usare il sigaro di moxa avvicinandolo al al punto da trattare tenendoti ad una distanza che consente di avere un calore intenso ma piacevole e MAI posto a contatto con la pelle.

moxibustione per principianti

Questa distanza è soggettiva e varia di persona in persona. Inizia, quindi, sempre con cautela per capire qual è la distanza più adatta al tuo caso specifico.

La parte inutilizzata del sigaro può essere riutilizzata fino a quando può essere tenuta tra le dita, l’importante è mantenere sempre asciutto il sigaro e togliere la parte già bruciata quando si torna ad utilizzarlo la volta successiva.

 

Moxibustione per principianti: dalla teoria alla pratica…

Ti interessa questo tema?  Se sì, ti consigliamo di leggere l’e-Book di Vanni L., Come puoi trarre beneficio dalla moxibustione anche se non sei un esperto di medicina cinese : Guida ai concetti di base, alla tecnica e all’autotrattamento, 2018

All’interno troverai un’introduzione a questa tecnica e alcune proposte di trattamento adatte ad un impiego non professionale (qui contenuti e indice dell’e-Book).

moxibustione

Ultima revisione: novembre 2018

Autore Laura Vanni


Altri articoli che trattano il tema della moxibustione:

Per non perdere tutti gli approfondimenti sul tema, puoi cliccare anche sui TAG “moxa” e “moxibustione” nell’elenco degli argomenti, che sono sempre aggiornati con tutti gli articoli presenti sul sito: continua a seguirli anche in futu


Se sei alla ricerca di letture di approfondimento, puoi consultare la nostra Libreria virtuale alla sezione Moxibustione, coppettazione, tecniche complementari