L’alimentazione autunnale: suggerimenti dalla medicina cinese

Come abbiamo visto in precedenza, l’autunno è la stagione in cui il nostro qi (“energia”) inizia ad approfondirsi verso l’interno in vista della stagione invernale: la medicina cinese ci dà alcuni suggerimenti su come affrontare al meglio l’autunno e l’alimentazione è uno degli strumenti migliori che possiamo utilizzare sia per rafforzare il nostro equilibrio che per prevenire i problemi legati alla stagione.

Alimentazione autunnale prepararsi ad affrontare il freddo

L’alimentazione in base alla medicina cinese considera molto importante variare la propria alimentazione con il variare delle stagioni, per aiutare il nostro organismo ad armonizzare e integrare i cambiamenti climatici, di temperatura, di luce, di attività… e a rispondere meglio alle esigenze del momento. Per questo, durante il corso dell’autunno è importante iniziare il passaggio dall’alimentazione estiva (che deve aiutare il nostro organismo a produrre liquidi e rinfrescarsi) a quella invernale (mirata a sostenere la nostra capacità di riscaldamento e resistenza al freddo).
Le regole principali da seguire sono quindi queste:

  • ridurre gradualmente gli alimenti che rinfrescano (ad esempio, pomodori, cetrioli, lattuga, alghe, anguria, melone e altri frutti estivi, latte di soia e derivati come il tofu)
  • ridurre gradualmente la quantità di verdure crude (più rinfrescanti), a favore di quelle cotte, soprattutto la sera
  • iniziare a introdurre colazioni calde e cucinate, seguendo il calo delle temperature

Alimentazione autunnale: rafforzare le nostre difese

L’inverno è generalmente caratterizzato da un clima che mette alla prova le nostre difese, ma anche l’autunno, con i suoi sbalzi di temperatura, può richiedere molta energia al nostro sistema difensivo, che deve impedire la penetrazione di fattori climatici esterni all’interno del nostro organismo. Per questo, è importante iniziare a sostenere la produzione di qi (“energia”) con l’alimentazione fin dall’inizio dell’autunno. Ecco qualche consiglio:

  • aumentare gli alimenti che tonificano la milza (che per la medicina cinese aiuta a estrarre il qi dagli alimenti) e aumentano la produzione di qi: stiamo parlando in particolar modo di cereali in chicco, non per forza integrali (riso bianco, basmati, thai, rosso, nero, integrale… farro, orzo, kamut, quinoa, miglio…) e di alimenti di origine animale come pollo, tacchino, pesce o vegetale come zucca, patate, soia gialla, semi di zucca, uva passa

Se vuoi proseguire nella lettura, vai all’articolo originale su BenEssere Donne.

 

Per approfondire il tema della dietetica cinese:

dietetica cinese

Se ti interessa questo argomento, ecco qui altri spunti per te:

Se sei interessato/a ad acquistare un libro per approfondire il tema, ti consigliamo anche: